20160208_101555

Occasioni di Misericordia

Questo libretto nasce dal desiderio dei giovani della Consulta di offrire ai gruppi, ma anche ai singoli giovanissimi e giovani, della nostra diocesi uno strumento per rispondere all’invito che Papa Francesco ha fatto nel suo Messaggio per la prossima GMG: “A voi giovani, che siete molto concreti, vorrei proporre per i primi sette mesi del 2016 di scegliere un’opera di misericordia corporale e una spirituale da mettere in pratica ogni mese” (n.3) .

Ma quali sono queste opere di misericordia? Sono sempre attuali? Come viverle oggi? Questo libretto vuole rispondere a queste domande in modo da rendere possibile la nostra risposta all’invito del Papa.

All’interno troverete per ciascuna delle 14 opere di misericordia, sia corporale che spirituale una breve descrizione ed attualizzazione; un esame di coscienza; degli spunti di approfondimento e il suggerimento di gesti concreti da poter compiere.

Questa parte è preceduta da alcuni spunti sul giubileo straordinario della misericordia e dalla biografia di due Santi che desideriamo proporre come compagni di viaggio: San Giovanni Paolo II e S. Faustina Kowalska.

Inoltre nella parte finale si trova un contributo per riscoprire la bellezza del Sacramento della Riconciliazione (Confessione) purtroppo trascurato dai giovani: è questo uno dei momenti più belli e profondi in cui possiamo sperimentare l’amore di Dio che perdona, la sua misericordia.

Ci rendiamo conto che è uno strumento limitato ma al quale abbiamo lavorato insieme: ognuno di noi ha contribuito a scriverne un pezzetto. E’ un lavoro di giovani per i giovani.

Ora è affidato al lettore come spunto di partenza credendo che i traguardo a cui arriverà dipende dallo Spirito di Dio e dalla collaborazione di ciascuno con la Sua opera. A voi seguire l’invito del Papa e scegliere per ogni mese un’opera di misericordia spirituale ed una  corporale.

Buon anno della Misericordia!

Download: Occasioni di misericordia

Banner_GiubileoRagazzi_2016

Giubileo dei Ragazzi 2016

Banner_GiubileoRagazzi_2016

“Vi vorrei chiamare uno a uno, vi vorrei chiamare per nome, come fa Gesù ogni giorno, perché lo sapete bene che i vostri nomi sono scritti in cielo (Lc 10,20), sono scolpiti nel cuore del Padre che è il Cuore Misericordioso da cui nasce ogni riconciliazione e ogni dolcezza”.

Queste le parole di Papa Francesco che, nel Messaggio per il Giubileo dei ragazzi, invita tutti gli adolescenti a Roma per vivere insieme a lui l’Anno Santo della Misericordia.

‘Crescere misericordiosi come il Padre’ è il titolo del Giubileo degli adolescenti che riunirà a Roma dal 23 al 25 aprile 2016 tutti i ragazzi dai 13 ai 16 anni che potranno vivere la loro esperienza di perdono e passare attraverso la Porta Santa. Le parrocchie romane sono pronte ad accogliere i pellegrini che giungeranno nella capitale e la città stessa ospiterà in sette piazze, sette grandi tende che racconteranno le opere di misericordia.

Il Giubileo è davvero per tutti […] – continua il Papa nel Messaggio. “Siete tutti invitati! Non preparate solo gli zaini e gli striscioni, preparate soprattutto il vostro cuore e la vostra mente”.

Così come il Papa ha preparato un giorno speciale dedicato solo agli adolescenti: “ho desiderato vivere anche con voi alcune giornate di preghiera e di festa – scrive.

E infine il suo invito: “Vi aspetto numerosi nel prossimo mese di aprile”.

pentecoste2015

Veglia di Pentecoste 2015

Inizio alle 17 presso l’Oratorio don Bosco, cena offerta, e inizio della celebrazione alle 21,15 in Basilica.

Anche quest’anno oltre all’incontro dedicato ai diciottenni e alla veglia con tutti i giovani della diocesi, si svolgerò anche un incontro degli animatori dei GREST con il vescovo Mario.

pentecoste2015

pellegrinaggio a torino

Pellegrinaggio giovani a Torino

Programma:

Partenza all’alba (orario verrà precisato più avanti)
arrivo a torino e visita alla Sindone prima di pranzo
pranzo al sacco
ore 15,30 Messa celebraa dal Vesvoco Mario
dopo la messa spostamento al Sermig: sistemazione e visita all’Arsenale della Pace
e incontro con i giovani che  li vivono.
Cena

Domenica mattina visita ai luoghi di don Bosco e santa Messa.
Dopo pranzo partenza per il ritorno.
Rientro previsto nel primo dopocena.

Quota prevista intorno ai 60 € a testa comeprensiva del viaggio i  pullman A/R; cena, colazione e pranzo; kit del pellegrino.

pellegrinaggio a torino

Premio letterario

concorso letterario e artistico UNA CITTA’ NON BASTA – il coraggio della fraternità universale

In occasione del 50° di fondazione di Loppiano

Concorso per la Scuola (infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado)

  • Questa iniziativa nasce in occasione del 50° della nascita del Centro Internazionale di Loppiano, dove si calcola che, in mezzo secolo, siano passate oltre un milione di persone: uomini, donne, adulti, bambini, giovani, famiglie, persone di ogni lingua e latitudine l’hanno visitata o vi hanno trascorso un periodo più o meno lungo toccando con mano che la fraternità universale è possibile attraverso la cultura dell’incontro sperimentata quotidianamente nello studio, nel lavoro, nell’arte, nello sport, nell’economia… in tutti gli aspetti della vita. Loppiano è un laboratorio di mondo unito sia per l’alto grado di internazionalità degli abitanti sia perché offre la possibilità di incontro tra diverse culture, popoli, religioni ed anche con chi non ha un preciso riferimento religioso.
  • “Una città non basta” (Chiara Lubich). Questo concorso offre a docenti e studenti delle scuole primarie e secondarie del nostro territorio l’occasione di conoscere Loppiano e lo spirito che la anima per tradurre poi l’esperienza vissuta in musica, parola, immagine, colore e moltiplicare fra tutti semi di pace per un expo dell’incontro e della fraternità.
  • Ci sono due culture che si contrappongono – dice papa Francesco – la “cultura dello scarto”, fatta di difesa, paura, disinteresse, emarginazione, e la cultura dell’incontro: l’unica capace di rinnovare il mondo e renderlo più giusto e fraterno.
  • oggi viviamo in un mondo che sta diventando sempre più “piccolo” e dove sembrerebbe essere facile farsi prossimi gli uni agli altri. Gli sviluppi dei trasporti e delle tecnologie di comunicazione ci stanno avvicinando, connettendoci sempre di più, e la globalizzazione ci fa interdipendenti. tuttavia all’interno dell’umanità permangono divisioni, a volte molto marcate. il mondo soffre di molteplici forme di esclusione, emarginazione e povertà; come pure di conflitti in cui si mescolano cause economiche, politiche, ideologiche e, purtroppo, anche religiose.
  • e’ sempre più necessario comporre le differenze attraverso forme di dialogo che ci permettano di crescere nella comprensione e nel rispetto. anche di fronte al grande fenomeno delle migrazioni, sfida delle società contemporanee, occorre rispondere con la cultura dell’incontro, che richiede d’essere disposti non soltanto a dare, ma anche a ricevere dagli altri.

Volantino illustrativo Premio letterario

Premio letterario